domenica 11 agosto 2013

Il diario di Isabel


Il diario è la mia unica via di sfogo. Non Adam, non Matilde, non i miei genitori. Soltanto l'inchiostro steso sulla carta può aiutarmi a stare meglio, a districarmi dalla matassa di sentimenti che ha caratterizzato questo mio ultimo anno di vita. È stato proprio il diario il solo ad avermi accompagnato in ogni singolo giorno che ha cambiato in peggio la mia esistenza.

(Isabel C. Alley, Il diario di Isabel)

Buona domenica lettori in pantofole! Passata la notte di San Lorenzo (non ho visto neanche una stella!!! :-P) eccomi qua a parlarvi della mia ultima lettura: Il diario di Isabel di Isabel C. Alley. Ma veniamo alla storia:


Isabel Cariani, giovane studentessa trasferitasi da un paesino di provincia in città per frequentare le lezioni universitarie, ci apre le pagine del suo diario personale. Un diario intriso di passione, oscurità e sangue. Sì perché Isabel ha scoperto sulla propria pelle l'esistenza di un universo oscuro, dove i vampiri non popolano solo le pagine dei romanzi ma, esseri lussuriosi e sanguinari, perseguitano l'uomo per soddisfare il proprio piacere e la propria sete. Suo malgrado Isabel è stata catturata dagli occhi magnetici di Andrea e gettata in un baratro di dolore e ossessione, desiderio e odio. Adesso, ferita e abbandonata dal suo persecutore, Isabel ha giurato vendetta. Per prendersi la sua rivincita si è trasformata in una cacciatrice di vampiri, aderendo alla Vampire Hunters, organizzazione segreta volta alla protezione della nostra razza dagli attacchi di questi affascinanti quanto spietati demoni. Nuovi personaggi si profilano sulla sua strada: il bellissimo ed enigmatico Stephan, il nerboruto e chiassoso Jack, la letale Samjra ed Elizabeth fredda come il ghiaccio. Un anno nella vita di Isabel Cariani... Riuscirà ad avere la sua vendetta? Quali segreti nasconde l'affascinante Stephan suo mentore e maestro? Ma soprattutto le ferite del cuore possono rimarginarsi? 

Scrivere la recensione di questo libro non è stato affatto facile, soprattutto perché la storia non mi ha coinvolta e convinta. Isabel C. Alley ha creato un romanzo articolato, dallo stile agile e abbastanza scorrevole e ho trovato geniale il modo di presentarsi di questa giovane autrice, sotto le spoglie della sua protagonista. Nonostante questo la trama non mi ha catturato. Il romanzo si presenta nella forma del diario, di conseguenza l'azione è completamente filtrata attraverso le emozioni e i pensieri dell'eroina, Isabel, nella quale purtroppo non sono riuscita affatto a immedesimarmi. Troppo contorta, immatura, indecisa, una tigre sotto le lenzuola ma un gattino impaurito nella vita (questa è l'impressione che ne ho tratto). La prima parte del romanzo, dedicata al suo rapporto di passione-odio con il mezzo-vampiro Andrea, è un susseguirsi interminabile di scene hot (che devo dire appesantiscono la lettura) mentre la nostra eroina si strugge tra amore e rancore. Ama e odia il suo aguzzino incapace di propendere per l'una o l'altra emozione. La narrazione si ravviva nella seconda parte quando Isabel entra nella Vampire Hunters. Ho trovato molto carino l'episodio del Boggart folletto dispettoso (e invisibile) che infesta le case degli umani. Interessante la scelta di introdurre altri esseri soprannaturali oltre al vampiro, tuttavia questa parte è molto spiccia, poco ci viene raccontato degli altri membri dell'organizzazione (o almeno si sarebbe potuto raccontare di più). Anche qui tutto ruota attorno a Isabel e Stephan, il suo affascinante maestro, e alla passione che inevitabile scocca tra i due. Ho trovato tra l'altro alcune incongruenze e smagliature, si parla dei vampiri come demoni che cercano di nascondere la propria esistenza agli occhi del mondo ma chiunque può richiedere di essere assistito dalla Vampire Hunters contro le loro malefatte (come se fosse piuttosto naturale in fondo imbattersi in un vampiro). La trama sembra convogliare in sé elementi che ricordano Buffy l'ammazzavampiri e Twilight (il comportamento dei dannati qui è agli antipodi dal romanzo della Meyer ma molto simile è la struttura gerarchica della loro razza con tanto di autorità vampiriche dai poteri sorprendenti, vedi Lorenzo Ferranti membro dell'Alto Consiglio Italiano dei vampiri), il tutto condito dall'adult-romance elemento davvero preponderante nella narrazione. 
Due pantofole e mezzo, non me ne voglia Isabel C. Alley, che tra l'altro è stata così carina da inviarmi il suo romanzo, ma purtroppo la lettura non mi ha appassionata; è la mia personale impressione, probabilmente è il genere non adatto a me; ci saranno sicuramente molti altri lettori in grado di apprezzare questo romanzo d'amore che comunque rappresenta un notevole traguardo per questa giovane autrice. Tra l'altro è uscito anche un seguito delle avventure di Isabel, Come into my Wonderland dove a dominare è proprio la figura di Lorenzo Ferranti di cui vi ho detto sopra.


Di seguito vi posto tutti i dati del volume:


Isabel C. Alley
Il diario di Isabel
Youcanprint Self-Publishing
Pagine: 422
ISBN: 9788891108180
€ 18,00
eBook: € 1,99 

TRAMA: Un ragazzo può vestire tante maschere, nel corso del tempo. Può mostrarsi come uno studente universitario, di cui poco conosci e di cui nulla vuoi approfondire. Può diventare un vicino di casa enigmatico, a tratti oscuro nelle attenzioni che rivolge all’improvviso nei tuoi confronti. Ma poi la maschera cade e il ragazzo si rivela essere uno spietato aguzzino, a cui poco importa del mondo se non del proprio personale divertimento. Quando lo vedevo tra i suoi amici, lontano anni luce dal mio interesse, non avrei mai potuto immaginare la verità su Andrea. L’ho compresa solo quando lui si è presentato davanti a me con il suo modo spietato, assetato del mio sangue e della mia ingenua passione.
Mi sono lasciata sottomettere, nella speranza che il destino avesse pietà di me. Ma Andrea, quel demone vestito di perfezione, ha fatto della mia vita un giocattolo per il suo piacere. Ha compiuto atti imperdonabili e mi ha fatto aprire gli occhi su un mondo notturno di magia e orrore, di vampiri lussuriosi ed egoisti.
Potevo abbandonarmi alla disperazione, ma ho scelto di reagire. Ora esigo vendetta. Voglio riscattare la mia libertà, voglio riprendermi il cuore e la vita che Andrea mi ha rubato, distrutto e gettato al vento.
Questa è la storia di una cacciatrice.
Questa è la storia di Isabel Cariani.

CHI È ISABEL C. ALLEY:
una ragazza di periferia diventata cittadina per motivi di studio. Sognatrice e altruista, ama il suo lavoro e i colleghi. Single, anche se in passato è stata fidanzata diverse volte... ma per scoprire chi è realmente Isabel C. Alley dovrete leggere il suo diario ^^ 

In un passo del romanzo è citato un brano dei Negramaro, Cade la pioggia. Isabel è in auto con stephan e proprio attraverso questo pezzo, esprime le sue emozioni, i suoi sentimenti riguardo chi gli sta accanto. Isabel parafrasa la canzone, facendola sua... noi la possiamo ascoltare nella versione originale dei Negramaro appunto^^ 

 

3 commenti:

  1. Anch'io devo dire che faccio fatica a leggere i libri scritti sotto forma di diario (mi viene in mente ad esempio Lady Susan di Jane Austen) trovo la lettura di questo tipo di romanzi troppo lenta ed inevitabilmente finisco con l'annoiarmi, senza poter apprezzare la lettura del testo

    RispondiElimina
  2. Per una volta ci troviamo in disaccordo, Jerry :D anche se ti do ragione su molte cose, tipo l'insicurezza cronica della protagonista nella vita quotidiana e la sua sicurezza, invece, nelle questioni intime, elemento che in effetti ha disorientato un bel po' anche me! Però alla fine mi è piaciuto, soprattutto la parte in cui entra in scena la Vampire Hunters!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' ma è proprio questo il bello! In fondo sono impressioni personali di lettura quindi è più che giusto avere pareri diversi e multiformi^^

      Elimina

Accomodatevi, infilate le pantofole e... lasciate un commento!